officina

PROVA

mercoledì 31 gennaio 2018

Borsa di Milano , poco mossa

Piazza affari in linea con le altre borse Europee, "poco mossa".
FTSE Mib ha chiuso in rialzo dello 0,11%, l'Allshare dello 0,12%.
LEONARDO lascia sul terreno un altro 2,04% dopo il -12% di ieri.
Bancari, BANCO BPM (MI:PMII) (+0,87%) e BPER (MI:EMII) (+0,82%) si contrappongono le vendite su UBI (MI:UBI) BANCA (-1,37%). Molto volatile CREVAL che chiude a +3,69% ma in seduta ha oscillato tra 9,813 e 10,954 euro.
BREMBI (-1,74%), BUZZI (MI:BZU) UNICEM (-1,62%), SAIPEM (MI:SPMI) (-1,44%) e STM (MI:STM) (-1,28%).
SAFILO chiude a - 5,94%.
MONRIF (+14,98%) e POLIGRAFICI EDITORIALE (+3,70%).

martedì 30 gennaio 2018

New York, petrolio in calo

Il petrolio in calo a New York, dove le quotazioni calano dell'1,02% a 64,88 dollari al barile.

Borsa di Milano, -12% dato peggiore in Europa


Ftse Mib che cede l'12% a 23.514 punti.
Istituti di credito in negativo Carige (-3,4%), Bper (-3,2%), Mps (MI:BMPS) (-2,2%), Banco Bpm (MI:PMII) (-2,7%), Fineco (-1,7%). In calo anche i titoli legati al petrolio con Saipem (MI:SPMI) (-2,9%), Snam (MI:SRG) (-1,4%) ed Eni (MI:ENI) (-1%) mentre è in rialzo Italgas (+0,8%). Male anche Fca (MI:FCHA) (-1,6%), Enel (MI:ENEI) (-1,4%) e Mediaset (MI:MS) (-0,5%).

Positive, Tim (+2,2%),  Luxottica (MI:LUX) (+1,8%) .

lunedì 29 gennaio 2018

Borsa di Milano in lieve calo

Leggero calo per Piazza affari.
L'indice delle blue chip FTSE Mib ha chiuso in calo dello 0,23%.
L'indice europeo FSTEurofirst perde lo 0,19%.
Il paniere dei bancari italiani che avanza dello 0,2%, lo Stoxx europeo cala dello 0,13%.
BANCO BPM (MI:PMII) positiva.
LEONARDO in rialzo dell'1,58%.
Greggio, calo  oltre l'1%.
 SAIPEM (MI:SPMI) che cala del 2,2%, ENI (MI:ENI) -1,1%, TENARIS (MI:TENR) -1,4%.
CATTOLICA ASSICURAZIONI -5%.


venerdì 26 gennaio 2018

Borsa di Milano, giornata conclusa vicina ai massimi

Piazza affari conclude la giornata vicina ai massimi. Positive le borse Europee.
p FTSE Mib ha terminato in rialzo dello 0,58% a 23.856 punti e quello europeo Stoxx50 con un progresso dello 0,5%.
Da PIRELLI a FERRARI (NYSE:RACE) a FCA (MI:FCHA) i big italiani del settore mettono a segno guadagni compresi fra l'1,6% e il 2%.
SAIPEM (MI:SPMI) che termina piatta dopo una seduta in ribasso ed ENI (MI:ENI) in lieve rialzo.
TELECOM ITALIA (MI:TLIT) chiude in ribasso dello 0,76%.
ATLANTIA (MI:ATL) +1,36%.
FINCANTIERI che balza del 4%.

giovedì 25 gennaio 2018

Dollaro debole, situazione accolta bene dagli USA

Un dollaro debole , puo' soltanto essere accolto bene dagli USA.
Segretario al Tesoro USA Steven Mnuchin, un dollaro debole puo' fare bene all' attuale commercio.
Investitori , Si prevede un cambio di rotta rispetto alla politica monetaria statunitense tradizionale.

Euro in rialzo, in zona 1,25 dollari

Euro sopra 1,25 dollari, ore  15,05 la moneta unica vale 1,2513/17 dollari , chiusura ieri a 1,2406 dollari.
Titoli di Stato della zona euro  in rialzo.

Borsa di Milano , in rialzo e si conferma positiva

Moderato rialzo per Piazza Affari.
FTSE Mib ha guadagnato lo 0,41% e l'AllShare lo 0,32%, mentre lo Star ha perso lo 0,28% e il MidCap lo 0,76%.
FTSEurofirst 300 è arretrato dello 0,64%.
STMICROELECTRONICS tonica +0,74%.
UNICREDIT (MI:CRDI) (+2,2%) e INTESA SANPAOLO (MI:ISP) (+1,3%) a braccetto. Bene BPER (MI:EMII) (+1,99%), BANCO BPM (MI:PMII) (+1,45%) e UBI (MI:UBI) (+1,38%).
BANCA FINNAT (+3,71%).
GENERALI (MI:GASI) +0,06%, UGF +2,86%, UNIPOLSAI (MI:US) +1,85%, CATTOLICA ASSICURAZIONI +4,99% e VITTORIA ASSICURAZIONI +2,36%.
FIAT CHRYSLER (MI:FCHA) in frenata nel pomeriggio (-0,1%).
BUZZI (MI:BZU) UNICEM (+0,5%) e LUXOTTICA (MI:LUX) (+1,38%). Viceversa, penalizzate PRYSMIAN (MI:PRY) (-1,23%), MONCLER (MI:MONC) (-1,03%), LEONARDO (-0,73%) e FERRARI (NYSE:RACE) (-0,73%).
ENEL (MI:ENEI) è scesa dello 0,39%, A2A (MI:A2) dello 0,94% e ITALGAS dello 0,89%: tra le mid cap, ACSM AGAM in calo (-2,8%). Male anche TIM (-1,22%) e SAIPEM (MI:SPMI) (-1,36%).
POLIGRAFICI EDITORIALI: +11,55%. In direzione opposta MONRIF: -3,02%.
FERROVIE NORD ribasso dello 0,13%.
EPRICE (+7,79%) e SNAITECH (+2,65%). Pesante FIDIA: -5,87%.
** L'Aim registra la corsa di ITALIA INDEPENDENT GROUP: +6%.


mercoledì 24 gennaio 2018

Bitcoin, criprovalute continuano in ripresa

Bitcoin si attesta a 10.872 dollari alle 4:45 ET (09:45 GMT) con un balzo del 2,8%.
L’Ethereum, schizza del 3,3% a 993,08 dollari sul Bitfinex .
XRP del Ripple si attesta a 1,3593 dollari, con un’impennata del 5% sulla giornata.




Oro ai massimi, Dollaro crolla

In 4 mesi il prezzo dell'oro sale ai massimi.
I future dell’oro sono saliti a 1.352,10 dollari l’oncia troy alle 08:30 a.m. ET (12:30 GMT).
future dell’argento schizzano di 17,29 centesimi, o del 2,20%, a 17,29 dollari l’oncia troy.
Dollaro debole, rende l'oro meno costoso.
L’indice del dollaro USA,scende dello 0,59%.

Borsa di Milano poco mossa

Piazza Affari poco mossa, debole ripresa. FTSE Mib si muove fra denaro e lettera a +0,01%, l'AllShare a -0,02%. Il paniere paneuropeo STOXX 600 avanza dello 0,07%.
STM (MI:STM) che cede il 3%
TELECOM ITALIA (MI:TLIT)  oggi -0,3%,
MONCLER (MI:MONC) sale dell'1,5%  ,
TREVI in rialzo del 7,7%.
UNICREDIT (MI:CRDI) in crescita dell'1% e INTESA SP dello 0,38%. Bene CARIGE in crescita del 3,4%.
A2A (MI:A2) +0,19% e ACSM-AGAM +2,5%.




martedì 23 gennaio 2018

Bitcoin in calo, - 11.000 dollari

Prezzo Bitcoin e principali criptovalute, crolla.
  Bitcoin si attesta a 10.449 dollari alle 04:52 ET (09:52 GMT) dopo essere sceso al minimo di 10.141 dollari.
L’Ethereum,  è scambiata a 958 dollari sul Bitfinex dopo il crollo al di sotto della soglia di 1.000 dollari.
Ripple si attesta a 1,25 dollari sul Poloniex, con un crollo del 9%.
Previsione governo, imporrà una tassa fino al 24,2% come tasse aziendali e di profitto alle piazze di criptovalute quest’anno.

Governo della Corea del Sud , previsione,  incremento di controlli sugli scambi di criptovalute, e chiusura di operatori illegali.




Borsa di Milano , torna negativa

Piazza Affari , dopo nuovi massimi anche in mattinata , ritorna negativa.
FTSE Mib segna un calo dello 0,21% e l'AllShare dello 0,23%. Il paniere paneuropeo STOXX 600 è piatto.
BPER (MI:EMII) (+0,17%) mentre UBI (MI:UBI) passa in negativo (-0,2%).
FERRAGAMO (MI:SFER) cede l'1,7%...
FCA (MI:FCHA) in leggero progresso (+0,6%)  ... nuovo record storico a 20,2 euro.
Positivi anche BUZZI (MI:BZU) (1%),
TELECOM ITALIA (MI:TLIT) (+1,2%),
Diritti del calcio, Tim e MEDIASET (MI:MS)  hanno presentato offerte inferiori ai minimi.


lunedì 22 gennaio 2018

Borsa di Milano, positiva

Piazza affari chiude positiva. L'indice FTSE Mib chiude in rialzo dello 0,59%, l'AllShare dello 0,61%.
L'indice paneuropeo STOXX 600 sale dello 0,23%.
YNAP balza del 24,1% a 37,56 euro dopo l'annuncio che l'azionista Richemont lancerà un'Opa a 38 euro per azione.......
FERRAGAMO (MI:SFER) sale del 3,9%.
Indice delle Banche segna +1,85% da +1,2% dello Stoxx europeo.
UNICREDIT (MI:CRDI) e INTESA SP +2 e di oltre l'1%. BANCO BPM (MI:PMII) segna +5,5% circa, BPER (MI:EMII) BANCA e UBI (MI:UBI) +2,5%.
TELECOM ITALIA (MI:TLIT) positiva.
Sale MEDIASET (MI:MS) (+2,7%).
MONDADORI +2,2%,
PIRELLI debole, LAZIO sale del 6,3%.

venerdì 19 gennaio 2018

Borsa di Milano positiva

Piazza affari termina con un rialzo.
L'indice FTSE Mib avanza dello 0,5%, l'AllShare guadagna lo 0,6%.
L'indice paneuropeo STOXX 600 segna +0,5%.
ATLANTIA (MI:ATL) (+2,18%) è tra i titoli migliori del listino.
POSTE (MI:PST) in rialzo del 2,2%
GENERALI (MI:GASI) che balza del 2,34%
GEOX (-5,96%) dopo aver annunciato ricavi in lieve calo.
FERRAGAMO (MI:SFER) che sale del 3,83%, LUXOTTICA (MI:LUX) del 2%, MONCLER (MI:MONC) dello 0,6%.
FIAT CHRYSLER (MI:FCHA) che avanza del 2,04%.
Negativo il comparto energetico,  ENI (MI:ENI) lascia sul terreno lo 0,8%, mentre SAIPEM (MI:SPMI) lo 0,99%.
Bancari in calo,  UNICREDIT (MI:CRDI) e INTESA SP in calo rispettivamente dello 0,63% e dello 0,19%,
Negativa MEDIASET (MI:MS) che cede l'1,29%...

Bitcoin, nuovo accordo con Cina

Accordo con Cina, stretta sul trading svolto dalle banche che sarà “severamente vietato”.
Il Bitcoin oggi guadagna il 3,36% sulla piazza Bitfinex dove è scambiato a 11.600 dollari.
l’Ethereum (+5,41%), il Litecoin (+5,81%), mentre il Ripple è maggiormente in crescita del 17% dopo che nei due giorni precedenti era cresciuto oltre il 30%.

giovedì 18 gennaio 2018

Bitcoin recupera

Prezzo delle criptovalute è in forte ripresa, con il Bitcoin, l’Ethereum e il Ripple in forte rialzo.
Il Bitcoin rimbalza del 17% a 11.628 dollari.
  L’Ethereum, la seconda principale criptovaluta, schizza del 23% a 1.051,30 dollari.
Token XRP del Ripple si attesta a 1,5612 dollari, con un’impennata del 50%.
Timori per l’aumento dei controlli normativi in Asia, in particolare in Corea del Sud e in Cina nonché in altri paesi.

Mps prosegue negativa

Negativa  sessione odierna per Banca Monte dei Paschi di Siena (MI:BMPS) cede l'1,26%, restando sotto i 4 euro per azione.
 Mediobanca; Mps dovrebbe cedere 6 miliardi di Npl e cinque di “Unlikely to pay” per un totale corrispondente al 20% del loro valore con 65 punti di copertura aggiuntiva di Cet 1 ratio.

L'euro su 1,22 dollari

Quotazione euro intorno a 1,22 sul dollaro.
Euro/yen  a quota 135,7. 


Borsa di Milano in rialzo

Piazza Affari nonostante le incertezze torna in rialzo.
L'indice FTSE Mib termina in rialzo dello 0,49% sui massimi di seduta e l'Allshare dello 0,29%.
 Bancari, UNICREDIT (MI:CRDI) (+1,16%) e INTESA SANPAOLO (MI:ISP) (+1,18%) insieme a MEDIOBANCA (MI:MDBI) /(+1,28%), BANCO BPM (MI:PMII) cede l'1,45%, UBI (MI:UBI) lo 0,75% e BPER (MI:EMII) BANCA lo 0,45%.
CREDITO VALTELLINESE (-4%), BANCA CARIGE interrompe la lunga serie positiva e cede il 2,15%.
Servizi finanziari, BANCA GENERALI (MI:GASI) e AZIMUT (MI:AZMT) con progressi intorno al 2%.
CNH (MI:CNHI) INDUSTRIAL (+1%), FIAT CHRYSLER (MI:FCHA) a +1,86%. SNAM (MI:SRG) cede 1,4%. FERRAGAMO (MI:SFER) CPRI cede il 2,5%.

mercoledì 17 gennaio 2018

Valute digitali proseguono in negativo

Bitcoin si attesta a 10.460 dollari alle 03:31 ET (08:31 GMT), con un crollo del 13% rispetto alla chiusura precedente, dopo essere colato a picco con -18% ieri.
L’Ethereum, la seconda principale criptovaluta per capitalizzazione di mercato, è scambiata a 946,40 dollari sul Bitfinex dopo il crollo del 19% di ieri.
Ripple si attesta a 1,08 dollari sul Poloniex, con un crollo del 24% sulla giornata.
La Corea del Sud segue l’esempio della Cina, che lo scorso anno ha bloccato gli scambi di criptovalute.


Borsa di Milano piccolo rialzo

Piazza affari oggi poco mossa.
L'indice FTSE Mib e l'AllShare hanno terminato la seduta in rialzo dello 0,08%.
L'indice paneuropeo STOXX 600 cede lo 0,14%.
MONCLER (MI:MONC) un rialzo del 3,14%.
LEONARDO ha guadagnato l'1,81%.
FIAT CHRYSLER (MI:FCHA) (FCA) ha chiuso con + 0,43%.
Banche italiane a +0,46%.
UNICREDIT (MI:CRDI) ha chiuso in rialzo dello 0,99% e INTESA SP dello 0,46%, dall'altro BPER (MI:EMII) ha perso l'1,95%. Tra i titoli a minore capitalizzazione, si segnala CARIGE in rialzo del 2,2% e CREVAL che perde il 4,21%.
TELECOM ITALIA (MI:TLIT) (TIM) ha chiuso in calo dell'1,63%.
PIRELLI ha ceduto l'1,39%.

martedì 16 gennaio 2018

Criptovalute in forte calo!

Bitcoin, Ethereum e Ripple, forte calo questo martedì, registrando crollo in percentuali alte!
il Bitcoin  a 12.106 dollari alle 03:49 ET (08:49 GMT), con un crollo del 10,96% rispetto alla chiusura precedente.
Ethereum,  è a 1.124,7 dollari sul Bitfinex dopo aver segnato il massimo di 1.423,20 dollari sabato.
 Ripple si attesta a 1,41 dollari sul Poloniex, con un crollo del 23% sulla giornata.


Continua l'influensa del governo Sud Coreano, che sta cercando come la Cina di bloccare le operazioni finalizzate alla produzione di Bitcoin.



Borsa di Milano in calo

Piazza affari segna un calo interrompendo i rialzi ottenuti nei giorni precedenti.
l'indice FTSE Mib ha perso lo 0,21%, l'AllShare lo 0,18% e lo Star lo 0,4%.
Il benchmark europeo FTSEurofirst 300 è arretrato dello 0,08%.
A2A (MI:A2) è salita dell'1,43%, ENEL (MI:ENEI) dell'1,32% e ITALGAS dell'1,19%.
LEONARDO  +0,64%.
ATLANTIA (MI:ATL) (+2,82%), TERNA (MI:TRN) (+0,49%) e PRYSMIAN (MI:PRY) (+0,69%).
FIAT CHRYSLER (MI:FCHA),  -4,15%,EXOR (MI:EXOR) -1,22%, CNH (MI:CNHI) INDUSTRIAL -0,08%, FERRARI (NYSE:RACE) +0,26% e BREMBO -0,37%.
AZIMUT (MI:AZMT) HOLDING  (-2,39%)
UNICREDIT (MI:CRDI) (-2%) peggio di INTESA SANPAOLO (MI:ISP) (+0,2%). Positivo BANCO BPM (MI:PMII) (+0,21%), giù BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA (MI:BMPS) (-1,45%).
CARIGE continua a galoppare: +3,41%. 
GENERALI (MI:GASI) +1,02%, UGF +0,55% e UNIPOLSAI (MI:US) +0,39%.
TENARIS (MI:TENR) (-2,03%).
CALTAGIRONE EDITORE +3,05%,
GAMENET super +8,48%,
D'AMICO (+3,85%) e LAZIO (+6,6%). 


lunedì 15 gennaio 2018

Borsa di Milano, positiva.

Piazza Affari chiude positivo.
L'indice FTSE Mib ha chiuso in rialzo dello 0,49%, l'Allshare dello 0,43%.
AZIMUT (MI:AZMT) HOLDING regina della seduta con un rialzo del 12,76%.
FIAT CHRYSLER (MI:FCHA) chiude in rialzo del 2,14%.
INTESA SANPAOLO (MI:ISP) (+0,40%) e BPER (MI:EMII) (+0,61%) ,BANCO BPM (MI:PMII) in calo dello 0,21%.  Lo stoxx europeo cede lo 0,13%. BANCA CARIGE (+7,32%).
ENI (MI:ENI) (+1,36%) e SAIPEM (MI:SPMI) (+2,42%)  , grazie al rialzo del Greggio.


venerdì 12 gennaio 2018

Borsa di Milano , positiva

Piazza Affari chiude positiva.
 L'indice FTSE Mib archivia la seduta in rialzo dello 0,53%, l'Allshare avanza dello 0,5% e lo Star dello 0,33%,
 benchmark paneuropeo STOXX 600 sale dello 0,2% ,
 FIAT CHRSYLER (+0,7%) ,
anche in Europa (+1,2%). CNH (MI:CNHI) INDUSTRIAL sale del 2,5%, BREMBO dello 0,8%. Nel comparto corrono anche le più piccole PIAGGIO e PININFARINA, rispettivamente +6,2% e +3,9%.
GENERALI (MI:GASI), che cede lo 0,3%
comparto bancario in rialzo di circa l'1%,
per INTESA SANPAOLO (MI:ISP), BANCO BPM (MI:PMII) e BPER (MI:EMII).,
FERRAGAMO (MI:SFER) (+1,6%) ,
 CUCINELLI guadagna oltre l'1%.




giovedì 11 gennaio 2018

Bando il trading in criptovaluta, programma di Corea del Sud

Corea del Sud dichiara di avere in programma di vietare il trading in criptovalute. Dichiarazioni che Spingono i prezzi del bitcoin in ribasso , provocando scompiglio nei mercati virtuali.
ll prezzo locale dei bitcoin è sprofondato del 21% a metà seduta a 18,3 milioni di won (17.064,53 dollari) dopo i commenti del ministro, mantenendo comunque un premium del 30% rispetto ad altri paesi.
Il bitcoin è in calo +10% nella piattaforma lussemburghese Bitstamp a 13.199 dollari, dopo essere sceso a 13.120, il minimo dallo scorso 2 gennaio.

Borsa di Milano conferma segno positivo

Piazza Affari chiude un altro giorno in positivo.
Il FTSE Mib guadagna lo 0,64%, lo Star si ferma a -0,02%
 In Europa il benchmark FTSEurofirst 300 cede lo 0,23%, gli indici di Wall Street sono positivi.
Greggio in rialzo , spinge in rialzo SAIPEM (MI:SPMI) +3,65%, TENARIS (MI:TENR) +2,55% ed ENI (MI:ENI)
STMICROELECTRONICS chiude a +2,2%
Banche a + 1,1% , UNICREDIT (MI:CRDI), UBI (MI:UBI) e FINECOBANK (MI:FBK). Piatta MEDIOBANCA (MI:MDBI) dopo il collocamento della quota di Pirelli, realizzi su MPS (MI:BMPS).
Ritorna a salire FIAT CHRYSLER (MI:FCHA), piatta CNH (MI:CNHI) INDUSTRIAL.
Settore lusso in calo , FERRAGAMO (MI:SFER) -1,5%, MONCLER (MI:MONC) -1,6%, YOOX NET-A-PORTER (MI:YNAP) -3,6%. 


mercoledì 10 gennaio 2018

Greggio in leggero rialzo

 Greggio leggero Usa Wti per consegna febbraio sale di 53 cent a 63,49 dollari al barile, dopo aver toccato quota 63,57, livello più alto dal 9 dicembre 2014.
 Il Brent ha toccato 69,29 negli scambi di ieri sera, massimo da maggio 2015.
Scorte in calo , si prefigge rialzo dei prezzi.



prezzo dell'oro sale

 future dell’oro si attestano a 1.315,20 dollari l’oncia troy alle 04:59 ET (09:59 GMT), in salita di 2,00 dollari, o dello 0,14% dall’ultima chiusura, dopo il calo dello 0,7% di ieri,

 l’argento è in salita dello 0,21% a 17,04 dollari l’oncia troy, mentre il platinoscende dello 0,55% a 966,90 dollari l’oncia troy. Il rame va su dello 0,59% a 3,235 dollari la libbra.



Borsa di milano chiude positiva

Piazza affari chiude in positivo.
L'indice FTSE Mib chiude in rialzo dello 0,66% e l'Allshare dello 0,39%
Europa il benchmark STOXX 600 arretra dello 0,5% e a Wall Street gli indici segnano cali moderati.
BANCO BPM (MI:PMII) (+4,8%), BPER (MI:EMII) BANCA (+4%) e INTESA SANPAOLO (MI:ISP) (+4,6%).
FTSE Mib MPS guadagna il 3,3%.
 FIAT CHRYSLER (MI:FCHA) (+0,6%)
 ENEL (MI:ENEI) (-1,9%), SNAM (MI:SRG) (-2,1%) e A2A (MI:A2) (-2,8%).


martedì 9 gennaio 2018

Borsa di Milano in positivo

Positiva piazza affari, insieme alle altre borse europee.
FTSE Mib chiude in rialzo dello 0,7%, l'AllShare dello 0,72%.
Indice paneuropeo STOXX 600 segna +0,41%.
Banche segna +0,99%, FINECO BANK balza di oltre il 4%.
FINCANTIERI prospettive positive.
FIAT CHRYSLER (MI:FCHA) (FCA)  positiva.
TELECOM ITALIA (MI:T ) poco mossa

TENARIS (MI:TENR) stabile.

ASTALDI guadagna il 13,3%.
BRUNELLO CUCINELLI in rialzo dell'1%.
 
 

lunedì 8 gennaio 2018

Greggio in rialzo

Greggio , prezzi in rialzo, alle 13,20 il futures Usa WTI avanza di 33 centesimi a 61,76 dollari.
 Brent guadagna 23 centesimi a 67,83 dollari al barile, dopo il record di 68,27 toccato settimana scorsa, il massimo da maggio 2015.
il numero delle piattaforme Usa è sceso di cinque unità a 742,  Nonostante ciò, la produzione Usa è attesa a salire. Produzione che contrasta i tagli richiesti dall Opec e dalla Russia per l'anno scorso e richiesta confermata per il 2018.


Piccolo rialzo per la borsa di Milano

Piazza affari torna a risalire, dati europei positivi.
l'indice FTSE Mib guadagna + 0,19% e l'AllShare lo 0,2%. L'indice paneuropeo STOXX 600 avanza dello 0,26%.
Luce LEONARDO in rialzo del 2% 
TENARIS (MI:TENR) sale dell'1,6%
Automative PIRELLI +1,1%, FERRARI (NYSE:RACE) +1,2% e CNH (MI:CNHI) +0,7%
FCA (MI:FCHA) in leggero terreno negativo -0,3%
TELECOM ITALIA (MI:TLIT) +0,3%
CAMPARI (MI:CPRI) cede circa l'1%; STM (MI:STM) in discesa dello 0,7% su prese di profitto
AS ROMA (MI:ASR) perde quasi il 5% dopo la sconfitta in casa contro l'Atalanta nell'ultima giornata di campionato.

mercoledì 3 gennaio 2018

Greggio vicino ai massimi

Rimangono invariati i prezzi del geggio,
il futures Brent avanza di 16 centesimi a 66,73 dollari al barile,
Il West Texas Intermediate (WTI) sale di 15 cent a 60,52 dollari al barile.
Le forniture di greggio restano abbondanti. La produzione Usa C-OUT-T-EIA è aumentata di quasi il 16% da metà 2016, raggiungendo 9,75 milioni barili al giorno alla fine dello scorso anno.
Preoccupazioni per le proteste in Iran manterranno i prezzi stabili e dovrebbero evitare un'ondata di vendite perché gli operatori terranno in considerazione il rischio potenziale.

Dollaro in salita

Euro si ferma, Dollaro ritorna in salita'.
La valuta unica si è apprezzata nei confronti del biglietto verde di circa 3%.

Borsa di Milano in rialzo

Piazza affari chiude in rialzo.
L'indice FTSE Mib ha terminato la seduta in rialzo dello 0,27%, l'ALL Share ha guadagnato lo 0,34%.  L'indice paneuropeo STOXX 600 segna +0,52%.
STM (MI:STM) ha chiuso in rialzo del 3,15%,
FCA (MI:FCHA) ha guadagnato il 2,57%  ,
FERRARI (NYSE:RACE) è salita dell'1,72%.
MEDIASET (MI:MS) +2,98%,
Il settore bancario italiano ha chiuso sostanzialmente in parità. Vendite su BANCO BPM (MI:PMII) (-2,04%), BPER (MI:EMII) (-0,72%) e UBI (MI:UBI) (-0,71%), insieme a INTESA SANPAOLO (MI:ISP) (-0,15%).
MONDADORI +8,08%.

martedì 2 gennaio 2018

Greggio registra miglior inizio anno

Greggio registra il miglior avvio d' anno,grazie ai disordini Iran e ai tagli dell'offerta da parte dei Paesi Opec e della Russia.
Futures Brent anche  Usa aprono l'anno sopra 60 dollari il barile.
Il Brent scambia in rialzo frazionale dello 0,06% a 66,91 dollari, mentre il derivato Usa guadagna lo 0,07% a 60,46 dollari.
 Disordini Iran ed il problema in  Libia, dove c'è stata un'interruzione della produzione, e Kurdistan, portano a prefissare un aumento del greggio per l'attuale anno 2018.


Borsa di Milano negativa nonostante il rafforzamento dell'euro.

Piazza affari segna negativo ed amplia la sua perdita risentendo del rafforzamento dell'euro.
Borse europee continentali , stessa risposta.
FTSE Mib cede lo 0,75%, mentre l'Allshare scende dello 0,71%.
In Germania il Dax perde lo 0,83%, mentre in Francia il CAC 40 lascia sul terreno lo 0,78%.
Bancario in negativo - 0,35%, UNICREDIT (MI:CRDI) poco sopra la parità, CARIGE +1,2% mentre CREVAL -2,7%.
Automotive, debole.
FIAT CHRYSLER (MI:FCHA) lascia sul terreno il 2,6%, CNH (MI:CNHI) INDUSTRIAL l'1,6%, BREMBO il 3,3%, FERRARI (NYSE:RACE) il 2,2%
In Europa il settore è tra i peggiori, con un calo dell'1,7% ( - immatricolazioni).


SAIPEM (MI:SPMI) avanza dell'1,4%,

MONDADORI è in deciso rialzo +3,5%.

ATLANTIA (MI:ATL)  - 0,34%, Sias +0,45%,AUTOSTRADE MERIDIONALI avanza dell'1,66%.